COVID-19: SORVEGLIANZA SANITARIA

(Circolare ministeriale n. 13 del 4/09/2020)

La Circolare ministeriale n. 13 del 4/09/2020 sulla sorveglianza sanitaria nei luoghi di lavoro con particolare riguardo alle lavoratrici e ai lavoratori fragili, fornisce indicazioni operative in merito alle modalità di espletamento delle visite e del giudizio medico-legale.

Viene chiarito il concetto di fragilità:

Il concetto di fragilità va individuato in quelle condizioni dello stato di salute del lavoratore/lavoratrice rispetto alle patologie preesistenti che potrebbero determinare, in caso di infezione, un esito più grave o infausto e può evolversi sulla base di nuove conoscenze scientifiche sia di tipo epidemiologico sia di tipo clinico.
Con specifico riferimento all’età, va chiarito che tale parametro, da solo, anche sulla base delle evidenze scientifiche, non costituisce elemento sufficiente per definire uno stato di fragilità nelle fasce di età lavorative. (…) La “maggiore fragilità” nelle fasce di età più elevate della popolazione va intesa congiuntamente alla presenza di comorbilità che possono integrare una condizione di maggior rischio.

Si parla di “Sorveglianza sanitaria eccezionale”, il giudizio di fragilità deve essere emesso dal medico competente e costituisce un giudizio di idoneità all’attività lavorativa. Nei casi in cui i datori di lavoro non sono tenuti alla nomina del medico competente ai sensi dell’81, “[…] ferma restando la possibilità di nominarne uno per il periodo emergenziale, la sorveglianza sanitaria eccezionale può essere richiesta ai servizi territoriali dell’INAIL che vi provvedono con propri medici del lavoro, su richiesta del datore di lavoro, […]“.



Indirizzo

via Maniago, 15
20134 Milano - Italia
Tel.:+39 02 26412529
Fax:+39 02 26412574