Aggiornamento limiti per l’utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura

(Legge n.130 del 16/11/2018, pubblicata su GU n.55 del 19/11/2018, che converte in legge i D.L. n.109 del 28/09/2018 – Decreto “Genova”)

La legge del 16 novembre 2018 n. 130, conversione in legge del decreto-legge “Genova”, riporta all’articolo 41 – Disposizioni vigenti sulla gestione dei fanghi di depurazione, nuovi limiti per l’utilizzo dei fanghi in agricoltura. Si sottolinea che nella conversione in legge del D.L. n.109 del 28/09/2018 – Decreto “Genova”, per quanto riguarda l’articolo 41, sono stati riportati anche dei nuovi limiti per altre sostanze oltre a quelli fissati per il parametro Idrocarburi C10-C40, tali limiti sono riportati nella seguente tabella:

Tabella nuovi limiti fanghi

Dalla lettura del nuovo articolo 41 si evince che il riferimento normativo per l’utilizzo dei fanghi in agricoltura rimane il D.Lgs. 27 gennaio 1992 n.99, con i suoi limiti riportati in allegato IB; tale Decreto, riassumendo in estrema sintesi, prevede che la tipologia di fango utilizzabile in agricoltura risulti essere quello delle acque reflue provenienti da insediamenti civili. I fanghi delle acque reflue provenienti da insediamenti produttivi possono essere utilizzati in agricoltura se assimilabili per qualità ai civili.

Importante sottolineare che il rispetto del parametro idrocarburi C10-C40, il cui limite è di 1000 mg/kg tal quale, si intende rispettato se anche la ricerca dei marker di cancerogenicità fornisce valori inferiori a quelli definiti ai sensi della nota L contenuta nell’allegato VI del regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP), in cui si dice che la classificazione come cancerogeno non è necessaria se si può dimostrare che la sostanza contiene meno del 3% di estratto Dmso (Dimetilsolfossido) secondo la misurazione IP346.

Questa modifica dei limiti ha naturalmente importanti conseguenze nell’ambito dell’utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

La materia infatti necessitava di nuovi limiti in quanto il TAR per la Lombardia, (sentenza del 20/07/2018), annullava i limiti fissati dalla DGR X/7076 del 11/09/2017 (per gli idrocarburi C10-C40 <10.000 mg/kg – sostanza secca) e indicava di seguire di conseguenza i limiti più stringenti indicati in tabella 1, Allegato 5 al titolo V della parte Quarta del D.Lgs. 152/2006 (per es: il limite per il parametro idrocarburi C10-C40 risultava essere di 50 mg/kg ss).



Indirizzo

via Maniago, 15
20134 Milano - Italia
Tel.:+39 02 26412529
Fax:+39 02 26412574