Rivalutazione sanzioni concernenti violazioni in materia di salute e sicurezza

(DM n.12 del 06/06/2018, pubblicato su GU n.140 del 19/06/2018)

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con il decreto direttoriale n. 12 del 6 giugno 2018, ha comunicato la rivalutazione quinquennale delle sanzioni derivanti dalla violazione delle norme vigenti in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Le ammende e le sanzioni amministrative in materia di igiene, salute e sicurezza sul lavoro, disciplinate dal D.Lgs. n. 81/2008, subiscono una rivalutazione dell’1,9% a partire dal 1° luglio 2018.

Il predetto incremento si applica esclusivamente alle ammende e alle sanzioni amministrative pecuniarie irrogate per le violazioni commesse successivamente al 1° luglio 2018.

La precedente rivalutazione delle sanzioni era stata effettuata in data 1 luglio 2013.

A titolo di esempio, la mancata nomina del RSPP, comporta per il Datore di Lavoro l’arresto da 3 a 6 mesi oppure un’ammenda da 2.792 a 7.147 euro (originariamente da 2.500 a 6.400 euro).

Per avere un quadro riepilogativo circa l’evoluzione delle sanzioni concernenti violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, si rimanda all’allegato 1 contenuto nella Lettera Circolare Ministeriale del 22 giugno 2018.



Indirizzo

via Maniago, 15
20134 Milano - Italia
Tel.:+39 02 26412529
Fax:+39 02 26412574